Tag

, , ,

Nel precedente post avevo presentato una breve classifica delle conversazioni più assurde che si innescano nel tentativo di scoprire le origini misteriose di un’afroitaliana.

Oggi vi propongo la top 5 dei luoghi comuni più frequenti e odiosi che vengono associati a chiunque abbia orgini africane, tanto da spingere alcuni studenti dell’Ithaca College di New York a lanciare un’iniziativa chiamata “The Real Africa: Fight the Stereotype“:

isnotacountry

1. “Ma hai origini africane?”, “Sì”, “Ah che bello! È proprio un bel paese!”, “Quale?”, “L’Africa!”. 😕 (Ah beh, che sciocca! Pensavo che l’Africa fosse un continente con 56 paesi, ma evidentemente  i colori e i confini della mia cartina servono solo a dare un po’ di movimento! Grafici, avete fatto proprio un bel lavoro, mi ero quasi fatta un altro mondo in testa!)

Notalanguage

2. “Sei originaria della Costa d’Avorio, ma allora parli l’africano?”, “Beh, no…”, “Peccato, non te l’hanno insegnato?”, “No, non parlo l’africano perché l’africano non è una lingua. In Africa si parlano circa 2.000 lingue”, “Mmm, allora come comunicate con tutte queste lingue?”, “Con i gesti!”, “Tipo linguaggio dei segni?” 😯 (Sì, appunto. Comunque era una battuta…)

Notalllookalike

3. “Beh, si vede che sei un misto. Di solito i neri mi sembrano tutti uguali, tu invece…”, “Io invece cosa?”, “Si vede che sei diversa…”, “Ah! Ma perché scusa Gervinho e Asamoah ti sembrano uguali?”. “No, ma che…uno è della Juve e l’altro della Magggicaaaa, mica vorrai fa’ ‘n confronto eh! Buahahahah!”. 🙄 (Mea culpa! Pensavo che, dato il livello della conversazione, esempi calcistici potessero far materializzare nella tua testa le immagini degli unici africani che forse conosci, ma è proprio vero: al peggio non c’è mai fine!).

Notmonolithicalculture

4. “Quando sono stato al villaggio in Kenya (intende il Resort ovviamente!) ho visto un sacco di Masai, ma perché fanno quella danza strana in cui saltano?”, “Scusa ma ti sembro una Masai?” 😡 (E vagli a spiegare che ogni paese africano ha la sua cultura…È come se ti chiedessero perché i greci ballano il Sirtaki! Ma chiedilo a un greco, no?).

Not-primitive

5. “Ma perché nel vostro paese (intendendo sempre TUTTO il continente!) c’è pure internet? 😥 “Eh, figurati anche se non sappiamo né leggere né scrivere abbiamo pure imparato a postare i video su youtube!” (Avrà capito il sarcasmo? E si riprenderà mai da questo trauma?).

L’Africa è un continente immenso, fatto di tanti popoli e culture, un luogo pieno di storia che, per chi non lo sapesse, è iniziata ben prima della colonizzazione. Tradizioni e modernità si incontrano in una dimensione che forse molti occidentali non sono in grado di cogliere e interpretare, ma questo non è un problema degli africani, è al massimo un limite della nostra conoscenza.

Non dimenticate le guerre, le carestie, i profughi, i malati, i bambini soldato perché, in un modo o nell’altro, abbiamo tutti le nostre responsabilità, ma ricordate soprattutto che l’Africa è molto altro: musica, arte, letteratura, progresso, umanità, risorse, ricchezze, resistenza e orgoglio.

L’Africa non ha bisogno di essere salvata, merita solo di essere rispettata!

E come dice Tiken Jah Fakoly: “Viens voir!”

 

Annunci